Il mambo degli orsi

Hap e Leonard sono una garanzia, non ci si annoia mai. Questo terzo romanzo del ciclo forse non lo avrei letto in questi giorni, preso come sono dalle miriadi di offerte sui fumetti taggati #iorestoacasa. Ma ho scoperto casualmente che dalle storie di Hap e Leonard hanno tratto una serie TV: tre stagioni, una per ognuno dei primi tre romanzi, girate abbastanza bene. Avendo letto il primo e il secondo (Una stagione selvaggia e Mucho mojo), mi sono buttato sulla serie. Finita la seconda stagione, mi sono chiesto se non fosse meglio leggere il libro prima di guardare la terza, ma non sono stato abbastanza forte. Ciò nonostante me lo sono gustato come se non sapessi cosa sarebbe successo pagina dopo pagina, anche perché le differenze con la serie TV sono parecchie. La costante è che i due protagonisti prendono sempre un sacco di botte e riescono sempre ad uccidere i cattivi, facendoci sempre appassionare.

Joe R. Lansdale – Il mambo degli orsi

Mucho mojo

Sull’onda dell’entusiasmo di aver scoperto Lansdale, sono al suo terzo romanzo consecutivo che leggo in pochi giorni, il secondo della saga di Hap e Leonard. Mucho mojo sembra decisamente superiore a Una stagione selvaggia, almeno per gli amanti del genere (un thriller a tutti gli effetti): è più intrigante, più macabro, più avvincente e inoltre approfondisce il rapporto tra i due protagonisti sottolineandone da un lato le differenze, dall’altro il forte legame. La narrazione è del tipo che non vuoi fermarti e non sono poche le frasi da appuntare; gli scenari poi, così come le caratteristiche dei vari personaggi, restano un punto di forza. Per il momento mi fermo qui, ma leggerò senza dubbio sia il prossimo capitolo che riguarda questi due tizi sia altri romanzi dell’autore.

Joe R. Lansdale – Mucho mojo

Una stagione selvaggia

Dopo aver finito in poche ore Io sono Dot e aver scoperto Lansdale, non ho potuto non iniziare a leggere immediatamente questa prima avventura di Hap e Leonard. E’ un buon noir, abbastanza scontato ma intrigante e scorrevole per la sintonia tra i due protagonisti, l’ambientazione perfetta per il genere (mi ha riportato alla prima stagione di True Detective, forse la migliore serie TV che abbia visto) e la scrittura di Lansdale del quale, a questo punto, andrò a cercare l’intera produzione. Ho infatti già cominciato Mucho mojo.

Joe R. Lansdale – Una stagione selvaggia