Moon Lake

Il solito Lansdale ma non il solito grande Lansdale. Quest’ultimo suo lavoro non mi ha sorpreso come in passato, forse perché lo conosco ormai troppo bene o forse perché le aspettative nei suoi confronti sono alte e lui non è stato così originale. La scrittura è rimasta appassionante e ancorata ai capisaldi dell’autore (razzismo, sangue, trash e Texas) ma non c’è molto da prendere in una storia che si muove tra alti e bassi, dove solo la seconda parte inquieta e mostra qualche acuto mentre tutto il resto, pur scorrendo liscio liscio, fa quasi sbadigliare. Certo, parliamo di Lansdale. Un qualsiasi altro scrittore semisconosciuto avrebbe fatto fortuna con un romanzo del genere, da lui invece si pretende sempre il capolavoro. Ha anche settant’anni, chissà se gli è rimasta la voglia. Mi conforta l’avere ancora diversi suoi vecchi libri da leggere, non mi deve dimostrare niente, l’immortalità artistica per me se l’è già guadagnata.

Joe R. Lansdale – Moon Lake