Indizio n. 1

Se tre indizi fanno una prova, aspetto di aggiungerne altri due per esserne sicuro. Perché ancora non ci credo ed è la stessa sensazione che provo ogni qualvolta devo preparare le valigie. Io le valigie non le preparo mai: in Salento sono andato con un borsone enorme ma indispensabile, quello dell’attrezzatura subacquea, lo stesso che ho avuto in Mar Rosso, tutto il resto stava in una tasca; a Maiorca ho portato uno zaino con quattro cose dentro e tre erano libro, diario e occhiali da sole; così è stato per le ultime tappe in Lituania, Inghilterra, Portogallo. Persino in Africa, a fare settimane di volontariato per anni, il necessario è sempre entrato in una borsa, senza parlare del Cammino di Santiago, ventitré giorni con un bagaglio di cinque chili.

Le valigie indicano qualcosa di più, non soltanto in termini di tempo o distanza, sono l’etichetta del viaggio che ti appresti a compiere, quella che all’aeroporto la gente guarda e pensa “chissà dove cazzo sta andando”, mi è successo per il Giappone e l’Islanda. In realtà a nessuno frega niente di dove vai ma è bello pensare di provocare un pizzico di invidia negli altri viaggiatori.

L’acquisto della guida è, per convenzione internazionale, il primo passo. Solo una volta ne ho presa una senza poi partire, era il Nepal, ma la colpa è stata del terremoto che ha distrutto mezzo paese e cancellato per sempre più pagine della mia Lonely Planet (che infatti, si vede in foto, ora è scontata del 20%). Questa volta nemmeno un asteroide o una paternità improvvisa mi fermerà. Gli altri indizi, spero, arriveranno presto. Intanto mi leggo l’indizio n. 1.

Annunci

Radiohead – All I need

Mentre Vasco muore, Kate si spoglia, Maometto fa sesso in un film e la gente continua a seguire il calcio, i Radiohead arrivano in Italia. E io andrò al loro concerto. Viaggio in Africa a parte, credo che questo sarà l’evento del mio 2012 e non perché vado io o perché vengono loro ma perché quella sera, in mezzo a migliaia di persone, la musica farà da sfondo all’incontro, solo nella mia testa, tra le due donne che più di ogni altra hanno influenzato la mia strada, la mia vita e questo cazzo di blog. Almeno sinora e, certo, escludendo mia madre che in quanto tale non posso considerare donna.
Sia Lei che lEi saranno lì, allo stesso concerto, con i rispettivi compagni, entrambi causa più o meno involontaria delle mie disgrazie. Io invece sarò solo e anche questo è un aspetto significativo. Del resto, a parte mio nipote che però ha solo dieci anni, i miei genitori che nemmeno sanno chi sono i Radiohead e forse Charlize Theron che credo abbia altri impegni, allo stato attuale non esiste una persona in grado di accompagnarmi. L’unica che potrebbe farlo è colei con la quale deciderò di trascorrere i miei giorni, la sola capace di annullare i campi magnetici in mezzo ai quali mi troverò durante il concerto. Ma, come dicevo, non esiste ancora e, se esistesse, oggi non avrebbe quel potere. Ne avrebbe un altro però: quello di farmi sperare di trovarla. Di farmi pensare che tutte le esperienze che ho fatto negli ultimi anni, le azioni con Greepeace, il cammino di Santiago, il volontariato in Africa, i viaggi in Giappone, le immersioni in Mar Rosso e tutti i concerti del mondo, beh, non valgono una sera con la persona che ami.