Frammenti di lei

Il titolo italiano (Peaces of her suonava molto meglio) potrebbe riguardare uno dei tanti post che scrivevo in questo blog quando parlavo di una lei non precisata e di tutto il resto, si tratta invece di una serie Netflix bruttarella e mal interpretata. A fregarmi è stata la prima puntata che pareva promettere fuoco e fiamme, salvo spegnersi quasi subito quando il succo della trama è venuto fuori in maniera abbastanza prevedibile. La caratterizzazione dei personaggi non risulta all’altezza e pesa man mano che si va avanti. La mamma protagonista sembra la copia sbiadita di Beatrix Kiddo di Kill Bill, il cattivo sembra la copia sputacchiata di Charles Manson, la figlia protagonista sembra stupida e basta. Insomma, non si tratta esattamente della famiglia Manson, soprattutto perché viene montata tutta una storia di paura e panico ingiustificati a seguito di un fatto sì grave ma non tale da giustificare il casino che ne viene fuori. Tanto brodo per nulla e numerosi buchi di sceneggiatura (il ricercato in cima alla lista dell’FBI per trent’anni che manco Pablo Escobar, l’incidente d’auto nel finale con lui che passava di lì per caso, la mamma che rispetto alla versione giovane non ha nemmeno un sopracciglio uguale, la ragazza con la memoria di un criceto che ricorda solo le cose utili alla sceneggiatura) rendono gli episodi un po’ ridicoli e privi di pathos. L’ultima puntata, che ha provato ad introdurre il colpo di scena ad effetto (già chiaro almeno quattro puntate prima), non fa altro che dare il colpo di grazia ad una serie di cui domani si ricorderà solo la ragazza con la memoria di un criceto.