The outsider

Per tre quarti di romanzo, da leggere tutti d’un fiato, ti ricordi chi è Stephen King: quello che con una frase del tipo “c’era un uomo nella stanza”, buttata lì quasi per caso mentre descrive il colore delle piastrelle del bagno, ti mette i brividi. Quasi per caso, perché in realtà ogni singola parola, come l’uomo nella stanza, è messa lì per portarti dove vuole lui. E con me, anche stavolta, il caro Stephen ci è riuscito piuttosto bene. Poi c’è l’ultimo quarto di romanzo in cui ti ricordi perché non ti ricordavi di Stephen King: per la tipica conclusione soprannaturale, perfetta per carità, che però ti lascia sempre un po’ di amaro in bocca, perché tutto il casino creato, l’intreccio così avvincente, gli interrogativi tanto inspiegabili alla fine si risolvono puntualmente con la solita creatura di origine ignota che vive nei sogni o l’essere mostruoso che si nutre di paura. Va be’, lo amo lo stesso.

Stephen King – The outsider

Annunci

19 pensieri riguardo “The outsider

  1. Lo stavamo leggendo in contemporanea, finito di leggere 2 giorni fa.
    Ho pronto anch’io un post… cavolo, mi hai anticipato.
    Certamente, il ricorso all’essere soprannaturale… ma va bene lo stesso, no?

    Mi piace

Commenti?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.