Anima

“fai quello che vuoi” sono state le sue ultime parole prima del fattaccio. stretti stretti dentro un sacco a pelo creato per una persona, quella frase ha avuto il potere di far evaporare tutto l’alcool che avevo in corpo, che probabilmente si è sparso per l’etere visto che la spiaggia all’improvviso si è trasformata in una bolgia di ubriaconi senza meta e con una sola idea in testa: sì, proprio quella. il sangue ha iniziato a scorrere nelle vene (colto il messaggio subliminale?) e malgrado sapessi benissimo chi avevo accanto… mi correggo, chi avevo sotto, non sono stato in grado di resistere. ho lottato con ogni muscolo del mio corpo, forse però ho iniziato da quello sbagliato. la mia guerra interiore è durata un tempo infinito, uno barra due nanosecondi, poi ho iniziato a baciarla secondo l’antico detto per cui il bacio non è altro che l’apostrofo invisibile tra le parole ti voglio. la stella che ha esaudito il mio desiderio si è esaurita ed è caduta. la stella che doveva esaudire il mio secondo desiderio invece non è caduta malgrado il cielo tremasse. e il mio secondo desiderio non si è realizzato. ancora. in compenso le mie quattro mani cadevano un po’ ovunque e per la prima volta io sorridevo. stavo sc… hmm… baciando l’ultima ragazza che avrei dovuto baciare sulla faccia della terra e lo volevo e lo voleva e non lo volevano perché ci avevano provato tutto il giorno senza nemmeno poterne sentire il profumo (il mattino successivo pacche sulle spalle e strette di mano: ero diventato il loro idolo, adorato con un mezzobusto di sabbia in mezzo alle palme).
ci siamo lasciati guidare dai nostri desideri. volevamo solo una cosa. allora ho gridato dal piacere e subito il rum è arrivato. avevamo sete. niente di strano se non fossero state le nove del mattino.

“non dobbiamo dirlo a nessuno” sono state le sue prime parole dopo il fattaccio. le ho fatto notare che, incastrati come eravamo dentro il sacco a pelo, non c’erano molte possibilità di insabbiare tutto. poi ho visto quanta sabbia avevo dentro il costume e ho capito che le donne hanno sempre ragione. e anche quando alla fine mi ha detto che la giornata era stata perfetta, nonostante mi fossi buttato a mare vestito con il cellulare in tasca, nonostante la mia fotocamera fosse stata portata via dalle ruspe, nonostante la mia auto fosse stata portata via dalla municipale… beh… aveva ragione.
il suo nome significa anima e io l’ho ritrovata. solo per un giorno però. perché se quella fottuta stella non si decide a cadere, la mia anima continuerà a vagare in cerca della sua gemella.

Annunci

14 pensieri riguardo “Anima

  1. Beh…nn avrai trovato l’anima gemella, ma almeno hai trovato una ragazza da ss… ops… baciare per una notte intera sotto le stelle…. a volte bisogna accontentarsi, magari solo per due o tre minuti, ma meglio di niente, poi si ricomincia a ricercare!
    La tua idea del ferragosto (essere in condizioni tali da nn ricordarlo,per cui nn poterlo raccontare) è proprio ciò che volevo dire nel mio post….
    🙂

    Buona fortuna… magari l’anima tra una ssss e l’altra la trovi chissà!!!

    Mi piace

  2. Joe Natta e Nonna Rolanda con la loro musica demenziale e i loro video fuori di testa da anni sono belli piacciono e divertono le platee degli ospizi lucchesi complimentandosi per questo simpaticissimo blog

    Mi piace

  3. ma come io parto per le vacanze e tu fai ben due post di cui uno dal contenuto cosi…ehm diciamo… poetico…beh non male davvero Topper…quella stella non cadra, ma devi avere lo sguardo ben fisso, non guardare il cielo non arrivera da li… ti bacio MARI

    Mi piace

  4. Le stelle hanno smesso di esaudire i desideri di chi le vede cadere da un po’, caro Topper… ma puoi sempre osservare il sole cadere ogni giorno, dai oggi dai domani, prima o poi qualcosa succederà.

    Mi piace

  5. ‘…perchè se quella fottuta stella non si decide a cadere, la mia anima continuerà a vagare in cerca della sua gemella.’

    …e per quanto so che la sua gemella non esiste io continuo a cercarla.
    Smetterò mai? Finirà questo tormento? Riuscirò a riavere la mia vita? Ho paura…

    Mi piace

Commenti?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...