Sulla bilancia

Non sono soddisfatto di questa vita. Ne voglio un’altra. Non so però dove trovarla, se si possa comprare, quanto costi, se accetterebbero questa in permuta. Parlerei con Dio se credessi in lui. Farei un patto col diavolo se non avesse paura di me. Mi convertirei a qualsiasi religione se avessi la certezza di un’altra possibilità. Magari ce l’ho e nessuno me lo dirà mai. Intanto, resta il fatto che non sono contento.
Scrivo per non parlare. Parlo per non pensare. Penso per non piangere. Piango per sfogarmi. Mi sfogo scrivendo.
E’ successa una cosa bellissima. L’ho poggiata sul piatto di una bilancia e sull’altro ho messo una cosa bruttissima, la cosa bruttissima, l’unica. Naturalmente quest’ultima era più pesante. Fino a quando non avrò esperienze tali da poter contrapporre a questo peso opprimente, io non sarò appagato. Potrei impiegarci una vita. E se non bastasse?

Annunci

14 pensieri riguardo “Sulla bilancia

  1. Non si fa la storia con i se e con i ma, Topper

    se non basta non basta

    ma perchè pensarci prima di cominciare?

    Forza, su, che non devo essere la sola a mettere il piede sul gradino più alto..

    Mi piace

  2. … un po mi ritrovo nel tuo post…. anche io non sono appagata dalla vita che faccio… fortunatamente non ho niente da mettere sul piatto delle cose bruttissime….
    io xò mi rendo conto di essermi adagiata in questa situazione e di non far niente x cambiarla veramente….
    ti auguro dei giorni sereni….
    baciotti ^_^

    Mi piace

  3. Hey topper…le cose belle e brutte sono per tutti,indistintamente: quindi è probabile che in un’altra vita ti troveresti nella stessa situazione.
    Però puoi agire.
    Puoi non arrenderti….
    Puoi costruire ciò che desideri senza mollare.
    E’ li….

    Mi piace

  4. Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine, ripetendo ogni
    giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non
    rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

    Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su
    bianco e i puntini sulle “i” piuttosto che un insieme di emozioni,
    proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno
    sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti
    all’errore e ai sentimenti.

    Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul
    lavoro, chi non rischia la certezza per l’incertezza, per inseguire un
    sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai
    consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi
    non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente
    chi distrugge l’amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i
    giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

    Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non
    fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli
    chiedono qualcosa che conosce.

    Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
    richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di
    respirare.
    Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida
    felicità. (P. Neruda)

    …..Medita Topper….e poi agisci!
    Un bacio e tanti auguri ^.^

    Mi piace

  5. oufff… anche io non son contenta di questa vita…non credo nella felicità..quindi prima te ne rendi conto anche te e prima riesci a vivere meglio!
    i periodi bui li passiamo tutti…io un tempo volevo anche morire, perdere la memoria, dimenticare…ma meglio vivere e accontentarsi….
    un bacio e stai sù
    Gaia

    Mi piace

Commenti?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...